DENSITOMETRIA OSSEA

Print pagePDF pageEmail page

Pochi minuti per controllare le tue ossa.

Pochi minuti per controllare le tue ossa.

IL NUOVO SERVIZIO DI DENSITOMETRIA OSSEA (MINERALOMETRIA).

Nel nostro studio la diagnostica e la prevenzione dell’osteoporosi si avvale di un moderno servizio di densitometria (mineralometria) ossea ad ultrasuoni.

L’osteoporosi è una malattia cronica degenerativa dell’osso caratterizzata da una progressiva perdita di sostanza minerale (calcio) con conseguente perdita di resistenza ed alterazione dell’architettura sia esterna (corticale) che interna (trabecolare).

La conseguenza di questa demineralizzazione è una aumentata fragilità ossea che si traduce in una maggiore facilità alla frattura e che talvolta nei casi più gravi può presentarsi anche per eventi meccanici anche del tutto irrilevanti come può esserlo anche un semplice colpo di tosse.

Le fratture possono tipicamente presentarsi a livello femorale e vertebrale oppure interessare strutture più perfiferiche come le ossa lunghe dell’avambraccio (tipica la frattura di Colles in occasione anche di piccole cadute); inoltre il loro insorgere può avere esiti funzionali (con algie intense e limitazioni nei movimenti) molto invalidanti per i soggetti colpiti.

Chiamata anche “malattia silenziosa” si manifesta infatti clinicamente solo in occasione delle fratture che in realtà rappresentano complicanze finali.

La consapevolezza di questa evoluzione per lungo tempo asintomatica (priva di qualsiasi disturbo per il paziente) ha indotto lo sviluppo di tecniche strumentali in grado di individuare molto precocemente la perdita ossea di calcio e monitorarla nel tempo.

Tra queste tecniche di particolare interesse si è dimostrata la DENSITOMETRIA OSSEA AD ULTRASUONI. Il funzionamento di questi apparecchi si basa sull’attenuazione e sulle alterazioni che il fascio ultrasonico subisce nell’attraversare un tessuto. L’attraversamento è in fatti direttamente proporzionale alla consistenza dei tessuti ma riflette anche l’architettura stessa.

Ormai da oltre quindici anni l’ultrasonografia ossea quantitativa (QUS – MOC US) è stata introdotta  nella pratica clinica  per l’indagine del tessuto  osseo. L’interesse per questa metodica è legato ad alcune    delle sue  caratteristiche: si tratta di una indagine relativamente semplice, poco costosa, facile da attuare e che non utilizza radiazioni ionizzanti.

La misura ultrasonografica consente non solo di avere una  quantificazione attendibile della  densità minerale ossea ma anche  informazioni sulla struttura e resistenza  meccanica del tessuto osseo esaminato con capacità previsionali non ottenibili con altre metodiche.

Lo strumento che utilizziamo ha come segmento osseo di indagine le falangi della mano e la motivazione di questa scelta è legata al fatto che queste piccole strutture ossee avendo  un giusto rapporto tra osso midollare (trabecolare) e corticale (compatto) consentono una stima ottimale della mineralizzazione scheletrica generale.

Il costo dell’esame è di Euro 70,00 ed il tempo complessivo per l’effettuazione di circa 10 minuti; non occorrono preparazioni particolari. Non vi è alcun rischio biologico collegato alla metodica. Viene rilasciata al termine dell’indagine una refertazione computerizzata con analisi automatica del rischio di frattura ed eventuali annotazioni del Medico.

L’accesso è possibile tramite prenotazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *