Età dell’Ovaio e Riserva Ovarica: FSH, AMH, Conteggio dei Follicoli Antrali.

Print pagePDF pageEmail page

L’ovaio ha un’età biologica che non sempre corrisponde a quella anagrafica. Conoscere questo dato può avere molta importanza

riserva ovarica e crescita follicolare

Ciclo del follicolo ovarico. la riserva ovarica è correlata alla quantità di follicoli antrali (3-10mm).

nel vostro futuro riproduttivo.

Anche se l’argomento è ancora ancora oggetto di ricerca scientifica e non mancano controversie possiamo molto ragionevolmente definire come “riserva ovarica” la capacità dell’ovaio di produrre follicoli idonei ad essere fecondati e dare un embrione sano. Si tratta quindi realmente di un aspetto molto importante di quella che può essere considerata più globalmente la capacità riproduttiva di una donna.

Ma perchè oggi si parla sempre più spesso di riserva ovarica ed a che cosa serve conoscerla? Quali sono le sue implicazioni clinche e quelle sul futuro riproduttivo della donna sottoposta a questa indagine?

Indubbiamente è la medicina della Riproduzione e l’incremento del desiderio riproduttivo in età avanzata (>35aa) hanno destato il maggiore interesse ma la riserva ovarica viene studiata anche in donne giovanissime con sterilità altrimenti inspiegata o reduci da trattamenti farmacologici, chirurgici, radio o chemioterapici che possano aver danneggiato le ovaie.

Quali sono gli strumenti per la sua valutazione? Sostanzialmente tre:

  • il dosaggio dell’FSH (Follicle Stimulating Hormone)
  • il dosaggio dell’AMH (Anti Mullerian Hormone)
  • il conteggio ecografico dei follicoli antrali (AFC)

L’FSH è una piccola proteina secreta dall’Ipofisi Anteriore (Adenoipofisi) secondo un ritmo pulsatile nel sangue ed è indispensabile per il corretto funzionamento dell’ovaio e per l’ovulazione. I suoi livelli noltre sono correlati inversamente al patrimonio follicolare. Il dosaggio dell’FSH al 3° giorno del ciclo è stato il primo ed è ancora oggi il più diffuso metodo di valutazione della capacità riproduttiva dell’ovaio. Si raccomandano generalmente almeno due determinazioni di FSH in due differenti cicli mestruali (anche consecutivi) escludendo l’assunzioe di farmaci come ad esempio la pillola che ne potrebebro alterare il dosaggio. Valori inferiori a 10 mIU/ml vengono considerati normali, deponenti per ridotta fertilità quando compresi tra 10 e 25, francamente infausti a fini riproduttivi quando superiroi a 25 mIU/ml.

L’Ormone Antimulleriano (AMH) è una glicoproteina appartenente alla famiglia del “transforming growth factor beta e

mah ed età della donna

Andamento dei livelli di AMH rispetto all’età della donna. L’Ormone Antimulleriano è direttamente correlato alla riserva ovarica ed alla qualità ovocitaria.

storicamente le prime conoscenze risalgono agli studi sulla differenziazione sessuale (regressione dei dotti di Müller nel maschio); successivamente divenne evidente come l’AMH fosse prodotto anche nell’ovaio dai follicoli preantrali e da quelli piccoli antrali. Si ritiene che l’Ormone Antimulleriano nella donna rappresenti un importante regolatore della crescita follicolare e che agisca in senso inibitorio sul reclutamento follicolare in antagonismo all’azione dell’ FSH; la sua carenza accelererebbe quindi la deplezione ovocitaria. Essendo la sua produzione indipendente dalla crescita follicolare ha livelli ematici abbastanza stabili durante il ciclo mestruale e può essere dosato in qualsiasi momento. Recenti studi hanno dimostrato in realtà valori più bassi infase luteale ma la difefrenza non è significativa, inoltre anche per il dosaggio dell’ AMH bisogna fare attenzione a fattori interferenti come la prolungata assunzione di contraccettivi orali (OC) e lo stato di gravidanza che ne riducono i livelli. E’ noto inoltre che le pazienti con Ovaio Policistico (PCO) presentano tipicamente valori da 2 a 4 volte maggiori rispetto a donne sane e che tale dato si correla ad un maggio rischio di iperstimolazione. Attualmente il dosaggio dell’ Ormone Antimulleriano è considerato il test più affidabile per valutare la riserva ovarica (direttamente correlato al numero di follicoli antrali) e viene routinariamente effettuato in previsione di trattamenti di riproduzione medicalmente assistita (PMA) per la sua alta predittività della risposta follicolare (numero di ovociti recuperabili al pick up) all’induzione farmacologica. Il recente superamento di difficoltà di dosaggio e conseguente difformità di lettura dei risultati ha facilitato la sua diffusione ed utilizzo nella pratica clinica anche al di fuori della PMA come anche è il caso delle Insufficienze Ovariche occulte. Attualmente 1 ng/ml sembra essere il valore soglia sotto il quale la riserva ovarica può considerarsi ridotta e particolarmente valori inferiori a 0,5 ng/ml sembrano predittivi di una scarsa risposta ovarica nell’88% dei casi.

Il Conteggio dei Follicoli Antrali (AFC) viene effettuato mediante una metodica ecografica abbastanza sofisticata che si affianca alle precedenti nella valutazione di quella che potremmo chiamare “età ovarica” , essendo comunque la riserva ovarica espressione anche e soprattutto dell’invecchiamento. Con una sonda ecografica transvaginale (meglio se di tipo tridimensionale) vien condotta una valutazione volumetrica di entrambe le ovaie e poi si procede al conteggio dei follicoli antrali (2-10mm) in fase follicolare precoce 3-5° giorno del ciclo; particolarmente il conteggio dei follicoli con un diametro compreso tra 2 e 6mm (piccoli follicoli antrali) sembra meglio correlarsi con la riserva ovarica funzionale. Recenti studi istologici dimostrano come la AFC abbia un’attendibilità sovrapponibile a quella dell’ AMH. Anche se non vi è unanime accordo sui valori soglia possiamo ragionevolmente affermare che una un volume ovarico complessivo superiore a 6 cm3 ed un conteggio dei follicoli antrali uguale o superiore 7 sono da considerarsi rassicuranti (ottime chance riproduttive sembrano date da conteggi superiori a 12).

L’età anagrafica va comunque considerata nella valutazione del potenziale riproduttivo e sembra indipendente dai test che

fumo di sigaretta e ovaio

Il fumo di sigaretta danneggia l’attività ovarica ed il potenziale riproduttivo.

abbiamo descritto.  Infatti tutta una serie di dati orienta sul fatto che dopo i 38-40aa si ha una ridotta qualità ovocitaria indipendente dalla riserva ovarica e probabilmente legata ad accumulo di danni sull’ovocita che potrebbero essere conseguenti a stress ossidativo ed insulti anche di tipo chimico, termico o infettivo.  Io stesso in un ormai storico lavoro pubblicato su Reproductive BioMedicine Online nel 2003 dimostrai un danno diretto legato al tabagismo (fumo di sigaretta).

Vorrei ora sottolineare un’aspetto molto importante della riserva ovarica e cioè la sua correlazione con la qualità ovocitaria e la capacità di fecondazione e di avere un embrione sano alla quale non a caso abbiamo accennato all’esordio di questo articolo. La capacità riproduttiva di una donna non è legata solo all’ovulazione ma alla capacità dell’ovocita di essere fecondato ed al basso tasso di abortività e di malformazioni del prodotto del concepimento (feto). Una scarsa riserva ovarica si correla infatti anche a tassi di fecondabilità ridotta e ad un aumento di malformazioni fetali ed abortività.

Ma quando è utile studiare la riserva ovarica ?

  • sempre quando siamo di fornte ad una sterilità altrimenti inspiegata;
  • quando abbiamo intenzione di procrastinare la nostra scelta riproduttiva ben oltre i 35aa;
  • tutte le volte che ci rivolgiamo ad Centro di Medicina della Riproduzione per una tecnica di fecondazione artificiale basata sull’induzione dell’ovulazione;
  • quando abbiamo subito interventi chirurgici sull’ovaio o trattamenti medici, radio o chemioterapici in grado di danneggiarlo;
  • patologie endocrine ed immunologiche tipicamente associate a riduzione della fertilità ed Insufficienza Ovarica Prematura (es. Tiroidite Cronica Autoimmune)
  • abortività ripetuta;
  • episodio malformativo fetale.

Ed ora vorrei soffermarmi sul più moderno cocetto di “ovarian aging”. Abbiamo detto che l’ovaio ha un’età biologica che non necessariamente corrisponde a quella anagrafica. Studi epidemiologici hanno messo in evidenza che circa il 10% della popolazione femminile va in menopausa intorno ai 45 aa e non coem più tipicamente avviene intorno ai 48-52 aa. Ebbene in queste donne l’accelerazione del decadimento follicolare si verifica già intorno ai 32-33 aa con un’infertilità o una ipofertilità difficile da spiegare se non si va appositamente a studiare la riserva ovarica.

In conclusione vorrei anche dire che tutti i Test dei quali abbiamo parlato non esprimono mai certezze ma probabilità e che in questa ottica vanno interpretati (possibilmente sempre da persone esperte del settore). La riserva ovarica, anche se certamente importante è uno dei tanti fattori che concorrono potenziale riproduttivo. Abbiamo visto infatti come anche l’età anagrafica rimanga un parametro importante ed indipendente e come il potenziale riproduttivo globale non possa prescindere anche da fattori anatomici, metabolici, immunologici.

Dott. Filiberto Di Prospero

Medico Chirurgo, Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012.
Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma.
Prenotazioni tel. +39 337 634491

Facebook Twitter LinkedIn Google+ YouTube Skype 

64 comments for “Età dell’Ovaio e Riserva Ovarica: FSH, AMH, Conteggio dei Follicoli Antrali.

  1. Carmen
    5 settembre 2015 at 15:05

    Buongiorno, ho 32 anni ed una figlia di 4, nel 2013 ho avuto due aborti a distanza di tre mesi uno dall’altro, il primo alla sesta settimana il secondo mi é stato classificato come gravidanza biochimica, in entrambi i casi il beta di partenza non era molto alto; da due anni non riesco più a rimanere incinta, dopo disparati controlli in cui mi é stato detto che tutto andava bene, ho scoperto solo un mese fa di avere amh 0,83, e come unica soluzione per avere un’altra gravidanza mi é stata proposta l’ovodonazione, vorrei capire se davvero é l’unica ed ultima possibilità visto che comunque io ho ancora il ciclo e credo di ovulare. Vorrei che qualcuno si dedicasse al mio caso senza farmi aspettare ancora inutilmente. Vi ringrazio anticipatamente.

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      3 gennaio 2016 at 13:34

      Un AMH pari a 0,83 a 32 anni fa venire sicuramente qualche dubbio sulla riserva ovarica e quindi sulla qualità ovocitaria che quando ridotte sappiamo essere correllate anche con una maggiore incidenza di aborti e malformazioni fetali.

  2. Simona Frascogna
    10 dicembre 2015 at 16:24

    Buona sera,dottor Filiberto di Prospero sono la Signora Frascogna Simona ho 38 anni,
    Sono disperata penso che sto entrando in menopausa precoce ho un desiderio di maternità
    Non so cosa fare,l ovodonazione non vorrei ricorrere vorrei tanto che lei trovasse la soluzione per potermi aiutare.
    Cordiali saluti.

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      3 gennaio 2016 at 13:09

      Non so perchè sta pensando di andare in menopausa; forse probabilmente perchè ha delle irregolarità mestruali? Il suo ginecologo potrebbe aiutarla a chiarire questo dubbio. Certo che in considerazione del suo desiderio riproduttivo sarebbe utile valutare anche la sua riserva ovarica: il dosaggio di FSH al 3° giorno del ciclo, Ormone Antimulleriano sono tra i test più utilizzati. Non esiti a contattare la mia segretaria se ha bisogno del mio aiuto.

      • 8 gennaio 2017 at 15:24

        Buonasera dottore, ho 46 anni (47 tra 20 giorni) è da cinque anni che provo ad avere un figlio. In questi anni ho sempre fatto esami e la ginecologa aveva provato a stimolarmi con clomid e successivamente dufaston. Due anni fa mi è andato via il ciclo. Da allora sono disperata perchè sicuramente sono in premenopausa e la mia voglia di maternità mi fa entrare in depressione. L’ultima visita che ho fatto presso un centro x la sterilità avevo valori quali amh indosabile, fsh (nel 2013-7,30; nel 2014-27,31; nel 2016-42,90)ormone antim. < 0,08. Mi hanno detto che dovrò ricorrere solo all'ovodonazione ma io non me la sento x paura di non sentirlo mio il figlio.E intanto sto male e non so a che santo votarmi. Mi sono imbattuta nel suo articolo e volevo un suo gentile parere. Grazie

  3. anna
    19 febbraio 2016 at 21:29

    salve dottore , ho 41 anni e da circa un anno con il mio compagno stiamo cercando di avere un figlio. la mia ginecologa in tutto questo tempo ci ha detto di provare e se dopo 6 mesi non succedeva nulla avremmo fatto esami per capire eventuali complicazioni. Così il mio compagno ha fatto lo spermigramma e tutto ok , io ho fatto solo l’esame delle tube per vedere se era tutto ok e un’ecografia ad ottobre da dove la dottoressa non ha rilevato nulla di anomalo, ma del conteggio dei follicoli o di altri esami del sangue non ho fatto nulla. Ora la prospettiva che mi da è di procedere con l’inseminazione artificiale mentre una mia amica nelle stesse situazioni è stata consigliata dalla sua dott.ssa per un altro percorso quello delle inseminaz.intrauterina ma ha fatto molti esami che io non ho mai fatto e che hanno confermato che sia molto fertile.
    lei consiglia cose diverse?

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      20 marzo 2016 at 10:09

      All’età di 41 aa un’attesa di concepimento spontaneo pari a 6 mesi appare ragionevole. Dopo i 38aa nel indagini preliminari suggerisco comunque sempre la valutazione della riserva ovarica.

  4. Cecilia
    6 marzo 2016 at 15:50

    Buon giorno , ho 34 anni, non prendo più la pillola da 2 anni. O seguito nel 3 gg del ciclo analisi del sangue:
    Tsh 1,46 estradiolo (pmol/l) 175 Estradiolo(pag/ml) 47,8 Lh 3,9
    Fsh 12,3 Prolatina 275mU/l prolattina 12,9ug/l
    Amh 1,8
    Mi è stato detto di urgentare la procedura di inseminazione in quanto a breve non sarà più possibile essendo diagnosticata con invecchiamento precoce dei ovului. La prego di darmi la sua opinione , se esistono delle cure per poter concepire in modo naturale.
    Grazie

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      20 marzo 2016 at 09:59

      Una FSH superiore a 12 pone sempre una certa preoccupazione particolarmente quando riscontrato in una donna di età inferriore a 35aa. Il TSH essendo inferiore a 2,6 appare adeguato in previsione di una futura gravidanza. Certo, i dosaggi ormonali vanno verificati e sempre (tutti) interpretati nell’ambito del quadro clinico generale. Il mio consiglio se non l’ha già fatto è quello di valutare l’Ormone Anti Mulleriano (AMH) ed in previsione di una eventuale tecnica PMA (riproduzione assistita) il conteggio dei follicoli antrali (AFC).

  5. Lucia
    16 aprile 2016 at 14:13

    Salve dottore,
    ho 35 anni e nel 2009 sono stata operata di tumore alla mammella ormonosensibile con conseguente chemio (4 cicli EC)radioterapia e terapia ormonale per 5 anni (decapeptyl e tamoxifene. Ho finito il tutto a settembre 2014 e il ciclo mi è tornato dopo 4 mesi (gennaio 2015) regolare 28/30 giorni. Ho dosato l’amh ad aprile 2015 ed il risultato è stato di 0,01! La precedente soppressione ovarica può aver alterato il valore dell’amh avendolo dosato dopo solo 3 mesi dal ritorno del ciclo? Le terapie pregresse precluderanno la possibilità di una gravidanza? Grazie

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      8 maggio 2016 at 22:30

      La chemioterapia può avere un effetto molto dannoso sull’ovaio ma è stato dimostrato che anche un lungo periodo di soppressione della funzione ovarica può determinare un abbassamento dell’Ormone Anti Mulleriano (AMH). Il suo valore è davvero molto basso ed il mantenimento di flussi mestruali spontanei non esclude un danno alla riserva ovarica ed alla qualità ovocitaria. Le consiglio di verificare nuovamente l’AMH associando anche una verifica di FSH ed 17 beta estradiolo al 3° giorno integrando tutto questo anche con un conteggio accurato dei follicoli antrali.

  6. Lorella
    22 aprile 2016 at 09:07

    Buongiorno Dottore, ho 38 anni e sono due anni che con il mio compagno cerchiamo un figlio. Fatto tutte le analisi ho scoperto di avere una riserva ovarica ridottissima AMH 0,3 e FSH al 3° gg di 6,2 ( mese successivo sempre 3°gg 6,8). Ci siamo già rivolti ad un centro di infertilità dove siamo il lista per la FIVET a novembre. Volevo sapere visto che le probabilità sono comunque poche se era meglio passare subito all’ovodonazione o se invece secondo Lei qualche speranza la posso ancora avere.
    RingraziandoLa La saluto.

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      8 maggio 2016 at 12:06

      Gent.ma, per me è molto difficile esprime un parere. In questi casi ripetengo molto spesso utile il conteggio dei follicoli antrali.

  7. Simona
    6 maggio 2016 at 14:36

    Buonasera ho ritirato oggi le analisi e ho Amh a 2.01 e Fsh 5.89!Sono affetta da lupus subcutaneo,ci sono probabilita’che posso rimanere incinta?Grazie

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      8 maggio 2016 at 11:55

      Il Lupus è una di quelle malattie autoimmuni che comporta un rischio aumentato di sviluppare un’Insufficienza Ovarica. I valori di FSH ed AMH sono comunque attualmente rassicuranti (normali) per una donna in età riproduttiva.

      • Simona
        8 maggio 2016 at 12:01

        GRAZIE!E’DA TANTO CHE DESIDERIO UN FIGLIO,MA PRIMA DI TUTTO VOGLIO FARE TUTTI GLI ACCERTAMENTI POSSIBILI IN MODO DA POTER STARE TRANQUILLA CPN UNA FUTURA GRAVIDANZA!

  8. Dott. Filiberto Di Prospero
    8 maggio 2016 at 12:08

    Questo 2,9 a cosa si riferisce? Se si tratta dell’ FSH o dell’AMH (ormoni solitamente valutati per capire il potenziale riproduttivo) non ci sarebbe da preoccuparsi.

  9. Clementina
    5 giugno 2016 at 16:37

    Ciao mi presento ho 45 anni e mezzo già ‘ mamma di una bambina di 8 che è’ arrivata subito e in maniera naturale poi ora invece sono quasi tre anni alla ricerca del secondo figlio.
    Ieri ho ricevuto la beta del mio primo diventa pt alla 10 giornata che è’ di uno(1) ed ho pianto tutta la giornata.
    Ho valore muleriana alla mia età’ di 5,20 e inibina B di 53 mio marito sta bene….ed ho fatto una stimolazione di 150 Gonalef al giorno con 12 follicoli prodotti, 7 ovociti ottenuti con pick up e fecondati , poi tre embrioni in terza giornata ……e qui……abbiamo deciso essendo di buona qualità di portarli a blastocisti dove ne è arrivato uno solo del tipo B.
    Ero così orgogliosa del mio blastocistino che a dispetto di tutte le statistiche era arrivato sin lì superando pure le ulteriori selezioni del 60% con tro ad arrivare in 5 giornata …ma poi ieri mi è’ caduto il mondo addosso.
    Sono favorevole solo all’omologa e dopo aver letto tanto pur con una buona muleriana sto molto giù….
    Vorrei fare un altro tentativo a settembre e semmai provare su ciclo naturale ora a luglio….sempre che l esame della. Beta ch devo fare il 7/06 non mi dia il miracolo ma sinceramente credo che il risultato fatto n 10 pt come sopra detto mi abbia già fatto capire che non è andata.
    Lei che cosa pensa con i dati che le ho dato?
    Il mio FSH in terza giornata è’ 6,8
    Ah m 5,20
    Inibina B) 53
    sono arrivata alla. Fivet dopo aver tentato naturalmente, con inseminazione e dopo aver scoperto di avere una tuba a corona di Rosario e l’altro sostanzialmente chiusa per le aderenze del primo parto…
    Ho tiroidite di nascimoto con tsh 2,90 e ft3 e ft4 normali mentre il tPO è un po alto.
    Prima del transfert della blastocistino mi hanno fatto prendere deltacortendeltacortene 5 mg.
    Che cosa ne pensa….?

  10. COCCOLINA
    15 giugno 2016 at 16:00

    SALVE DOTTORE,HO 32 ANNI,QUALCHE MESE FA HO INIZATO AD AVERE DELLE IRREGOLARITA’ DEL CICLO E MI SONO RIVOLTA AL GINECOLOGO,NELLA VISITA HA RISCONTRATO UN POLIPO UNA CISTI E UN FIBROMA(FUORI UTERO), DAI DOSAGGI ORMONALI AL 3° GIORNO E’ RISULTATO UN FSH A 12.2(VALORE MAX 12) ESTRADIOLO A 22.9 E HO RIPETUTO COSI’I DOSAGGI IL MESE SUCCESSIVO FACENDO ANCHE L’AHM, EBBENE I RISULTATI SONO ADESSO UN FSH A 8.4 ESTRADIOLO 24 E AMH 0.58!!!LA MIA DOMANDA E’ STO ENTRANDO IN MENOPAUSA PRECOCE? E,POTRO’ AVERE DEI FIGLI?
    SICURA DI UNA SUA RISPOSTA LA SALUTO CARAMENTE.

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      25 giugno 2016 at 16:15

      Certayil valore dell’Ormone Anti Mulleriano (AMH) fa preoccupare. Per me però i dati sono troppo insufficienti per dare risporte certe. Ha fatto un conteggio dei follicoli antrali?

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      25 giugno 2016 at 16:16

      Certamente il valore dell’Ormone Anti Mulleriano (AMH) fa preoccupare. Per me però i dati sono troppo insufficienti per dare risporte certe. Ha fatto un conteggio dei follicoli antrali?

  11. B75
    21 giugno 2016 at 16:46

    BUONGIORNO DOTTORE, HO 40 ANNI COMPIUTI E SONO IN CERCA DELLA SECONDA GRAVIDANZA DA QUASI 3 ANNI. NEL FRATTEMPO HO AVUTO DUE INTERRUZIONI ALLA SESTA E SETTIMA SETTIMANA. OGGI HO RITIRATO GLI ESAMI ORMONALI ESEGUITI AL TERZO GG DEL CICLO: FSH 5,74 mlU/mL LH 3.11 mlU/mL
    BETA ESTRADIOLO 58 pg/mL AMH: 1 ng/mL
    SECONDO LEI DEVO PENSARE ALLA PROCREAZIONE ASSISTITA?
    GRAZIE DI CUORE

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      25 giugno 2016 at 16:11

      Francamente sono molto scettico sul ricorso immediato alla riproduzione assistita senza una diangnosi. So perfettanente quanto questa pratica in Italia sia diffusa ma in altri Paesi come ad esempio gli Stati Uniti le cose nkn vanno allo stesso modo. Prima la diagnosi e poi la cura..

  12. Deborah
    29 luglio 2016 at 19:05

    Buongiorno dottore Le chiedo gentilmente un parere sul mio caso perché i pareri che mi vengono dati da specialisti e ginecologo son sempre molto negativi. Dall’ultimo controllo ginecologico risulto affetta da endometriosi senza alcun genere di sintomo ed ho 3 miomi molto piccoli (al di sotto del 1,5 cm) intra uterini. Diagnosi: possibilità ridotte di gravidanza naturale sebbene l’endometriosi sia ancora al primo stadio sia all’utero che all’ovaia dx. Amh 2,06 e mi dicono che praticamente e’ nulla. Prendo progeffik dal 17 gg X 10 giorni e dopo 9 gg dalla sospensione il ciclo nn arriva. Sinceramente anche per lei devo pensare alla fivet come unica soluzione? Dimenticavo ho 39 anni e un aborto 4 anni fa.
    Grazie
    Cordiali saluti

  13. Luciana
    4 agosto 2016 at 10:14

    Salve ho 24 anni ed il mio amh è di 7,01!! Vorrei sapere se è tutto ok grazie

  14. Tery
    15 agosto 2016 at 18:34

    Salve dottore, ho 41 anni appena compiuti, ho un bambino di 7anni, stiamo cercando la seconda da più di un anno senza successo, lo spermiogramma di mio marito ha dato valori rassicuranti, a detta della mia ginecologa, io ho valori di FSH 5.8 e AMH 1.3, cosa posso fare per capire perché non succede o aiutare la biologia in qualche modo?
    Grazie

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      21 novembre 2016 at 17:28

      I suoi valori sono perfettamente nella norma. Come per tutte si consiglia di assumere precocemente l’acido folico e verificare la funzionalità tiroidea.

  15. Fede
    26 agosto 2016 at 13:03

    Buon giorno dott.
    Le chiedo un parere. Ho 31 anni appena compiuti alla ricerca di un bimbo da 1 anno e 9 mesi senza alcun successo.
    FSH al 5 giorno: 9,23 mU.I/ml
    TSH uIU/ml 1,22
    Progesterone al 21 giorno: ng/ml 18,46
    AMH ng/ml 2,69
    conta follicoli antrali: 13
    Sono stata da diversi specialisti, l’ultima mi ha spiazzato dicendomi che ho FSH molto alto e anche l’AMH è basso per la mia età. Preciso che l’esame del liquido seminale di mio marito è buono e anche la spermiocoltura e la ricerca di ormoni Antispematozoo, oltre alla visita andrologica,. Ho fatto anche la sonoisterosalpingografia che ha confermato la pervarietà bilaterale della tube. Nella mia storia familiare ho ipertiroidismo da parte di padre e nonna materna.
    Che esami potrei fare ulteriormente? Secondo lei l’unica strada è la PMA?

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      21 novembre 2016 at 17:25

      Gent.ma, FSH è ai limiti superiori ma sappiamo che è un ormone pulsatile. L’AMH salvo che il suo laboratorio abbia valori di riferimento diversi da quelli standard appare nella norma.

  16. Alessia
    10 ottobre 2016 at 15:13

    Buongiorno dottore, ho 36 anni, amh 9 (range normalità 2-5) e conta follicoli antrali in quinta giornata di 45 (20+25). Ora però mi sono imbattuta nel suo articolo in cui parla di “ovarian aging”. Esiste qualche test che oltre a valutare la quantità, valuti la qualità?

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      11 ottobre 2016 at 19:34

      Gent.ma L’AMH Ormone Anti Mulleriano si correla anche con la QUALITÀ OVOCITARIA . Un valore troppo alto richiede l’esclusione di una eventuale Micropolicistosi Ovarica

      • Alessia
        11 ottobre 2016 at 21:27

        Gentilissimo Dottore, sì purtroppo soffro di ovaio policistico. Questo, insieme ad AMH troppo alto, può abbassare la qualità degli ovuli?

      • Alessia
        20 ottobre 2016 at 09:48

        Buongiorno dottore, le confermo che soffro di pcos. Questo influisce sulla qualità ovocitaria, nonostante AMH alto?

  17. Francesca
    19 ottobre 2016 at 20:07

    Salve, sono una ragazza di 29 anni.. a marzo ho subito un’annessectomia dx a causa di un disgerminoma.. ad aprile ho iniziato la chemio, 4 cicli di Peb. La settimana precedente mi hanno fatto eseguire d’urgenza una laparoscopia per prelevare della corticale ovarica dall’ovaio rimasto e procedere alla crioconservazione della stessa. Prima di questo intervento l’amh era 1.6. Qualche giorno dopo ho effettuato la prima iniezione di Decapeptyl e ho iniziato la chemio, terminata a luglio. D’allora non mi è ancora ritornAto il ciclo, (l’ultima mestruazionè è avvenuta circa 20 giorni dopo l’intervento di annessectomia e quindi 3 giorni prima della laparoscopia.) in questi mesi ho subito tutti i più fastidiosi sintomi della menopausa, soprattutto attacchi di calore con panico, dolori ossei e articolari, insonnia.. ho eseguito un’ecografia in cui l’ovaio risulta molto piccolo e privo di follicoli maturi. Cosa ne sarà della mia fertilità e del mio ciclo mestruale? Come devo comportarmi?

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      21 novembre 2016 at 17:21

      Purtroppo sappiamo che queste terapie danneggiano l’ovaio e che la crioconservazione degli ovociti è un buon metodo per preservare la fertilità futura . I sintomi che ha riferito sono quelli tipici secondari all’ipoestrogenismo iatrogenico (voluto). Per valutare la situazione dell’ovaio superstite sarebbe anche utile ripetere l’Ormone Anti Mulleriano.

      • Francesca
        22 novembre 2016 at 15:27

        Il valore della amh potrebbe quindi aumentate nel corso dei mesi? Ho qualche speranza che mi ritorni un ciclo regolare o assolutamente no? Anche perché non ho figli e mi sono da poco sposata , per cui avere una gravidanza per me sarebbe importante anche tra qualche anno.. la corticale crioconservata sarebbe un po pericolosa da reinnestare perché mi è stato poi diagnosticato un interessamento anche del peritoneo per cui non si vorrebbero correre rischi di un ripresentarsi della malattia.. quali possibilità avrò in futuro di ritornare ad avere un ciclo mestruale e una eventuale gravidanza? e quali altre possibilità avrei di concepimento?

  18. Francesca
    20 ottobre 2016 at 20:44

    Buonasera, ho 36 anni e da 2 io e mio marito cerchiamo un bimbo senza per risultati. con lo spermiogramma a lui è stata riscontrata una terato oligozoospermia e il mio valore di amh è 4,69 pM (metodo ELISA) e 0.66 ng/ml..cosa mi consiglia?

  19. pol9
    30 ottobre 2016 at 17:42

    Salve dottore.ho 26 anni e amh di 3.60 ng. Cosa ne pensa di questo valore? grazie

  20. Diana
    31 ottobre 2016 at 19:17

    Salve,
    ho 39 anni appena compiuti e non ho un compagno al momento. Questi sono i risultati delle mie analisi
    ormonali al 4gg di ciclo:
    Tireotropina (TSH) 1.54 mU/L
    17Beta – Estradiolo (E2) 0.11 nmol/L
    Follicotropina (FSH) 5.5 U/L
    Luteotropina (LH) 5.2 U/L
    Prolattina 184 mU/L
    Ormone Anti-Mulleriano (AMH) 0.67 ng/mL
    Il mio medico sostiene che la mia situazione non sia disperata e che dall’ecografia interna risulta che
    io abbia una normale ovulazione e che ci siano diversi follicoli. Lui sostiene che nella mai situazione
    avrei molte piu’ chance di concepimento con normali rapporti sessuali che tentando un’inseminazione
    artificiale all’estero con seme da donatore visto che in Italia non e’ possibile, lei cosa ne pensa?

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      21 novembre 2016 at 17:14

      Con tutte le riserve del caso (non conosco la sua situazione clinica completa) mi sento di concordare con il suo ginecologo.

  21. Abigal
    1 novembre 2016 at 10:41

    Buongiorno dottore ho 42anni poco tempo fa ho fatto ciclo di stimolazione ovarica x 6 gg con Gna f eMeropur e stoppata x mancanza di risposta ovarica , i miei valori sono Amh 0,03 Lh 5,4 e Fsh 10,2, conviene non fare più nulla? Grazie

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      21 novembre 2016 at 17:08

      Gent.ma, ribadiamo sempre che le decisioni cliniche vanno prese con il ginecologo curante perchè è l’unico che conosce tutta la situazione. certo che il suo dosaggio di AMH si correla ad una scarsa risposta ovarica.

  22. 4 novembre 2016 at 22:41

    gentile dottore, non riesco a rassegnarmi alla diagnosi di menopausa identificata già prima dei 40 anni. Ora ne ho 53 compiuti. Lo scorso agosto avevo avuto tracce ematiche e sintomi simili al ciclo. I medici hanno sempre dato per scontato la menopausa. Lo scorso luglio mi avevano proposto di togliere le ovaie poichè c’era nuovamente una cisti ( Reisezione ovarica e tolta cisti ovarica all’età di 37 anni ).
    Io ho rifiutato.Ho fatto una risonanza magnetica, un’altra visita specialistica cambiando medico ed ora sento rigonfiamento al seno e fitte come se ci fosse l’ovulazione. Alla mia età potrei effettuare ancora esami quali il dosaggio fsh, il dosaggio amh e il conteggio dei follicoli antrali? Grazie.

  23. 4 novembre 2016 at 22:47

    a 53 anni è ancora possibile effettuare esami tipo valutazione ovarica, dosaggio fsh , dosaggio amh e conteggio ecografico dei follicoli antrali?
    grazie.

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      21 novembre 2016 at 16:58

      Gent.ma, certo se lo desidera questi esami si possono fare. la domanda è però… a che fine? Se desidera sapere se è in menopausa è sufficiente il dosaggio di FSH.

  24. Flo
    7 novembre 2016 at 13:38

    Buongiorno ho 35anni ho avuto una gravidanza 18 anni fa ho fatto l’esame AMH esito38,2(0.0-48.0pmol/L)
    5.35(0.0-6.8ng/mL)

  25. Mare
    9 dicembre 2016 at 14:01

    Ho 40 anni e da un anno io ed il mio marito cerchiamo una gravidanza.

    L’esito degli esami sono:
    TSH – 2.08 microun./ml
LH – 4.5 miu/ml
FSH – 8.1 miu/ml
ESTRADIOLO – 43. pg/ml
PROGESTERONA – 12.80 ng/ml valori rif. (3.34-25.56)
    AMH – 5.8 (ng/ml) valori rif. (0.84-9.52)
    CONTA FOLLICOLI ANTRALI: 7 follicoli ovaio sinistro e 8 ovaio destro.
    Sono stata anche sottoposta ad una isteroscopia a causa di due piccoli polipo e di una stenosi ed il referto dice: ostio ovarico destro regolare apparentemente pervio e ostio sinistro velato, cosa vuole dire?
    Lei cosa ne pensa? Ci puo’ dare qualche consigli? Ancora non ho fatto vedere i referti ad un specialista.

    Grazie mille

  26. Sonia
    15 dicembre 2016 at 11:16

    Scusi Dottore, mi chiamo Sonia ho 43 appena compiuti…. a seguito di dolore pelvico irregolarità ho effettuato tampone vaginale dal quale è emerso ureaplasma e germi comuni e micoplasma.
    Ho effettuato i dosaggi ormonali al 21°giorno ed è emerso:
    FSH 6.71
    LH 6
    PTOGESTERONE 4,1
    BESTRADIOLO 160
    TSH 2,3
    e AMH (inviato per analisi fuori laboratorio) < 0,1.
    Una tragedia.
    Mi chiedo ma è possibile che le infezioni possano avere condizionato l'esito degli esami?
    grazie

  27. Lucia
    16 dicembre 2016 at 16:45

    Buone feste Dott.Di Prospero, data la sua disponibilità nell’elargire risposte, le pongo anche io una domanda.
    Ho 34 anni dopo 1 anno di tentativi falliti, con mio marito ci siamo rivolti ad una clinica specializzata nella PMA, ho eseguito la misurazione dell’ AMH e il risultato è:3.24
    Secondo lei dopo i 35 può subire un tracollo o questo MARK può restare così, bello e rassicurante ancora per un po’ (giusto il tempo di sistemarmi con il lavoro)?

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      7 gennaio 2017 at 12:09

      gent.ma Lucia purtroppo non abbiamo un test predittivo. come avrà letto bisogna anche porre attenzione ai fattori di rischio.

  28. Ester
    25 gennaio 2017 at 15:15

    buongiorno dott. Di Prospero mi chiamo Ester, da un anno circa cerco una gravidanza con mio marito, abbiamo fatto molti esami ed i miei risultati mi fanno pensare al peggio.
    FSH=14.4 mU/mL
    LH= 8.0 mU/mL
    E2= 54.00 pg/ml
    ho 36 anni e sono turbata soprattutto dall’ultimo esame e risultato che ho ricevuto:
    Ormone Anti Mulleriano 0.1 ng/ml
    Progesterone 12.44 ng/ml
    Prolattina 18.1 ng/ml
    Sono distrutta dal pensiero di non poter avere un figlio.
    Grazie del suo riscontro

  29. Catia
    31 gennaio 2017 at 14:46

    Buongiorno dottore ho 45 anni amh 2,3 conta antrale 6e 5 .icsi 5 ovociti prelevati 2 fecondati di ottima qualita trasferiti . biochimica.lei mi consiglia di riprovare o passare ad ovodonazione?Grazie

  30. Carmen
    1 febbraio 2017 at 18:02

    Buonasera dottore,

    ho compiuto 38 anni a dicembre ed è da quasi 2 anni che cerco una gravidanza, con una piccola parentesi di 6 mesi in cui mi sono sottoposta a cicli antibiotici.Oggi ho ritirato i miei esami e trovo preoccupante il valore dell’AMH 0,45.Tutti gli altri sono nella norma. Mi consiglia di scegliere la strada della fivet?
    Grazie

  31. Alessia
    14 febbraio 2017 at 14:20

    Buongiorno Dottore.
    Le chiedo un gentile parere.
    Ho quasi 33 anni, a gennaio 2016 ho sospeso la pillola anticoncezionale e siamo in cerca di un bimbo. Da 3 mesi sto prendendo Chirofert. Il mese scorso ho eseguito i primi dosaggi ormonali TSH 2.03,Estradiolo <5.0,FSH 8.5,LH 4.2,Prolattina 357.1,AMH 0.48. Li ho eseguito nuovamente questo mese, al terzo gg del ciclo…TSH 2.30,Estradiolo 9.7,FSH 9.8,LH 5.0,Prolattina 546.2*,AMH 0.48.
    La ginecologa mi ha prescritto di ripetere il dosaggio della prolattina, ma nonostante ritenga gli altri valori un po' bassi non ne è molto preoccupata. Io si, invece, molto. Cosa mi suggerisce di fare??
    La ringrazio molto per l'attenzione.

    • Alessia
      15 febbraio 2017 at 13:05

      Oggi ho eseguito nuovamente i dosaggi della prolattina, con ago in sede.
      675.9UI/ml
      765.4UI/ml
      601.5UI/ml
      Io sono parecchio sensibile alla viste degli aghi e dopo il primo prelievo mi sono sentita poco bene, ma direi che sono piuttosto preoccupanti.
      Grazie.

  32. Greta
    23 febbraio 2017 at 23:37

    Buonasera Dottore,ho 24 anni e soffro di ovaio policistico scoperto 2 anni fa dall interruzione della pillola dopo 6 anni. La sindrome mi ha causato anche sovrappeso,ciclo irregolare e acne,adesso dopo una dieta e attività fisica i problemi di sovrappeso stanno migliorando. Ho fatto l esame AMH per vedere la mia riserva ovarica a Marzo 2016 il risultato era 6.27 (0.96/13) a distanza di 11 mesi il risultato è di 3.81 (0.96/13)
    Volevo sapere se è normale questo calo o se è perché la mia riserva ovarica è sempre più drastica..
    premetto che tra un paio di anni vorrei una gravidanza..ma se tutti gli anni cala così non ci riuscirò!? Grazie e scusi il disturbo.

  33. Martina
    3 marzo 2017 at 12:41

    Buongiorno Dottore,
    ho appena compiuto 28 anni e data la presenza di casi di menopausa precoce in famiglia ho deciso di dosare l’AMH il cui valore è venuto 1.78 ng/ml. Mi devo preoccupare?
    Premetto che ho smesso di fumare solo un mese fa ed ho preso la pillola per qualche mese (smessa 3 mesi fa). Potrebbe essere utile una ripetizione tra qualche mese?
    il prossimo mese doserò anche FSH.

    • Dott. Filiberto Di Prospero
      4 aprile 2017 at 23:26

      Ottima la scelta di smettere di fumare. Il Valore di AMH non sembra preoccupante ma considerata la familiarità manterrei comunque alta l’attenzione.

  34. Ilaria
    7 marzo 2017 at 21:04

    Salve dottore,
    ho appena compiuto 38 anni e questi sono i valori:
    amh: 0,43
    fsh: 13
    tsh: 1,80
    estradiolo:51
    conta dei follicoli antrali: 3 a sn e 2 a ds
    Ho fatto una iui lo scorso anno dove ho prodotto 3 follicoli e non è andata.
    Reduce da un trattamento fivet, interrotto dopo il pick up:
    5 follicoli prelevati, di cui 4 vuoti e uno maturo, ma che non si è fertilizzato.
    I valori dell’estradiolo durante la stimolazione erano coerenti con la crescita dei follicoli.
    Mi è stato detto che alla stimolazione ho risposto meglio del previsto, ma evidentemente una riserva ovarica così bassa può essere stata la causa: ha senso tentare di nuovo?
    La ringrazio in anticipo per la disponibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *